Bike coaching

Apri la scatola dei desideri non ancora realizzati,
costruisci il tuo percorso di consapevolezza verso la libertà

cosa c'è di più bello di diventare capaci di non farsi condizionare dagli ostacoli?

Non per tutte e tutti la bicicletta è libertà, passione, bellezza. Usare la bici per il tempo libero o per spostarsi in alcune persone può essere anche una grande sfida: la paura di non “avere il fisico”, di trovarsi ad affrontare un imprevisto meccanico, magari lontane da casa, la paura di non farcela e la sensazione che per noi non sarà mai così facile decidere semplicemente di prendere la bicicletta e fare un giro.

Ma il desiderio di andare oltre ci sarebbe: cosa c’è di più bello di diventare capaci di non farsi condizionare dagli ostacoli e, consapevoli delle proprie emozioni e possibilità, partire?

Dall’esperienza della nostra associazione Salvaiciclisti-Bologna abbiamo creato il progetto “Biciliberatutte” per insegnare ad andare in bicicletta quelle tantissime persone, pure adulte, che non hanno mai imparato, creando un metodo adatto a loro e al superamento delle paure legate all’equilibrio, ad esperienze negative e a vissuti personali. Il metodo è  stato creato dalla coach professionista Sara Poluzzi e insegnato con successo a centinaia di persone grazie a un gruppo di tutor volontari.

Ci siamo accorte però che il mondo non si divide tra chi sa andare in bicicletta e chi non ci sa andare

Ci siamo accorte però che il mondo non si divide tra chi sa andare in bicicletta e chi non ci sa andare: all’interno di questo secondo gruppo esistono tante persone che pur essendo capacissime di andare in bici non si sentono di farlo in determinate condizioni (distanze, contesti, compagnia). La voglia o il piacere di usare la bicicletta come mezzo di svago, per restare in forma, per scoprire nuovi bellissimi paesaggi o anche solo per un momento da dedicare a se stessi o se stesse: tutte queste motivazioni hanno portato molte persone a rivolgersi a noi per chiedere un supporto.

Per questo abbiamo creato, insieme a Sara, il primo percorso di bike coaching.

Si tratta di un vero e proprio percorso di team coaching in un piccolo gruppo di 5 partecipanti. 

Il coaching è una metodologia di crescita personale dove il cliente, con il supporto di un coach professionista, lavora ad un obiettivo specifico, aumentando la consapevolezza delle proprie emozioni e convinzioni, esplorando nuove possibilità e punti di vista, liberando così energie prima non disponibili.

Il percorso di bike coaching fa per te se:

Vuoi guadagnare un maggior livello di consapevolezza rispetto alle tue emozioni, risorse, competenze, valori e vuoi usare la bici e le sessioni di coaching di gruppo o come strumento abilitante

Cerchi la motivazione per attivare un tuo cambiamento personale

Vuoi accedere ad un migliore equilibrio mente-corpo ed un maggiore benessere

Raggiungere un obiettivo prefissato, pianificando insieme ad una coach professionista i passi per raggiungerlo,

Elaborare un tuo piano azioni personale e monitorarlo fino al raggiungimento del tuo obiettivo,

Divenire autonomə e sicurə nell’utilizzo della bici qualsiasi uso tu ne voglia fare (sport, viaggio, tempo libero,bike to work..)

Condividere il tuo percorso con altre 4 persone: la coach tesserà abilmente i fili che uniscono i vostri percorsi ed avrai la possibilità di rafforzare la tua identità e di lasciarti trascinare e motivare dalla forza del gruppo 

Partecipando a questo percorso avrai la possibilità di:

Le 15 ore del percorso sono così strutturate:

4 incontri online di team coaching della durata di 2 ore in cui lavorando sulla situazione attuale e sul futuro desiderato, aumenteremo la consapevolezza e la motivazione per ottenere un obiettivo finale ed un piano di azioni personale.

Un’uscita one to one con la coach.

Un evento di gruppo finale dove l’obiettivo del singoli si fonderà con quello del gruppo in una uscita in bici

Filo diretto con la coach per tutto il percorso

Dicono di noi

«I miei limiti sono stati rimossi. Via! I limiti del dire “non lo faccio perché non sono all’altezza”. Mi sono detta: lo faccio, lo faccio al meglio che posso, ma lo faccio. E mi ha dato emozioni: forza, la sensazione di sciogliere le paure come la neve».
Federica
«Potrebbe sembrare scontato o banale, in fondo la bici per me è da anni il mezzo privilegiato per i miei spostamenti. Condivido con la famiglia eventi in bici da tempo. Qualcosa però ultimamente è cambiato i miei obbiettivi e priorità sono evolute e ho deciso di mettermi in gioco personalmente, ma sopratutto di ricercare la mia motivazione profonda, fatta di entusiasmo ma anche di varie paure e limiti da superare. In questo percorso ho incontrato delle bellissime donne con le quali ho intrapreso un corso di bike coaching. Insieme abbiamo parlato tanto, condiviso molto e aperto una strada da percorrere insieme in bicicletta. Ecco questo è stato il mio primo obiettivo raggiunto, andare da sola a San Luca! Non è scontato per una mamma, moglie, il lavoro, la spesa la casa trovare il tempo da dedicare a questo sport. Perché bisogna allenare il corpo e la testa e la bici non è magnanima in questo senso. Una cosa però ho imparato con la mia coach Sara Poluzzi e questo gruppo: che l' approccio è fondamentale, la consapevolezza di sé stessi dei propri punti di forza ma anche e soprattutto dei limiti. Bisogna trovare gradualmente il proprio modo di andare in bici per raggiungere quel benessere e piacere che questo incredibile mezzo può regalare».
Maria Teresa
Foto di Massiel Leza