Visioni a catena – il nuovo festival prodotto da Dynamo

18,19 e 20 luglio 2019
Dynamo Velostazione

Un festival ospitato da Dynamo Velostazione tra proiezioni, incontri e arte visiva dal mondo della bicicletta, sul suo valore estetico, comunitario, ecologico e come mezzo privilegiato e sostenibile per scoprire territori, culture e linguaggi.

L’idea del festival nasce dalla collaborazione con la casa di distribuzione Rodaggio Film e dalla volontà di proporre film sia italiani che stranieri dedicati alla cultura della bicicletta mai proiettati finora in Italia.

Penso che la bici abbia fatto per l’emancipazione delle donne di più di ogni altra cosa al mondo. Dà alle donne la sensazione di libertà e di completa autonomia. Gioisco ogni volta che vedo in giro una donna pedalare… immagine senza ostacoli della libera femminilità.”*

L’edizione zero del festival è dedicata alle donne: quelle che pedalano, quelle che vorrebbero pedalare, quelle che lottano perché la mobilità sostenibile sia un diritto trasversale, inclusivo e senza barriere di genere. Per questo abbiamo selezionato film, illustrazioni e personaggi che raccontano esperienze sociali, sportive e politiche che hanno contribuito al percorso di emancipazione femminile in cui la bicicletta ha avuto un ruolo fondamentale.

*1896 Susan B. Anthony, avvocato americano per i diritti civili e uno dei simboli del XIX secolo del movimento per l’emancipazione femminile.

Programma

Giovedì 18 Luglio

Ore 18

Biciclette, femminile plurale

Panel di apertura del festival

In che modo la bicicletta ha sostenuto e può sostenere il lento ma inesorabile processo di emancipazione della donna? Con quali linguaggi l’arte ha raccontato e arricchito questo processo di costruzione dell’immagine di una donna capace di autodeterminarsi, dipingersi e muoversi in totale libertà e autonomia?

Con (ospiti da confermare)
Roberta Li Calzi, consigliera comunale e attivista 
Giusella Finocchiaro, Fondazione del Monte 
Simona Larghetti, Presidente Salvaiciclisti Bologna
Chiara Aliverti, progetto Biciliberatutte 

Modera
Jonathan Ferramola

Ore 19.30

Biciclette/Bicycles: Eleonora Antonioni

Vernissage

Il progetto di illustrazioni “Biciclette/Bicycles” è nato in forma di blog nel 2012, quando l’illustratrice viveva a Roma. “Ai tempi non usavo la bicicletta in città, mi faceva molta paura anche solo l’idea di girare nel traffico di Roma, ma il fatto di notare gli altri ciclisti e di disegnarli mi ha aiutata moltissimo a superare questo ostacolo. È stato un po’ come rendermi conto che se lo faceva così tanta gente allora potevo farlo anche io! Alla fine osservare e ritrarre i ciclisti è diventata un’abitudine e ho continuato a farlo, in altri posti d’Italia e d’Europa.” 
L’autrice ha selezionato 30 ritratti di 30 cicliste incontrate nel traffico di città italiane e straniere, creazioni che custodiscono altrettante micro-storie di donne che hanno deciso di spostarsi in bicicletta. Le illustrazioni, autografate, saranno disponibili per l’acquisto e il ricavato sarà devoluto in beneficenza.

Eleonora Antonioni è nata e cresciuta a Roma. Diplomata alla Scuola Internazionale di comics, ha lavorato come illustratrice e fumettista per Giunti Edizioni, RCS Libri, Einaudi Ragazzi, Mondadori Education, Hop Edizioni, Sinnos Editrice, Hearst Magazine. Il suo ultimo libro a fumetti è “Non bisogna dare attenzioni alle bambine che urlano” (con Francesca Ruggiero) pubblicato da Eris Edizioni. Attualmente vive a Torino, dove insegna allo IED-Istituto Europeo di Design (Torino).

Ore 20

Voglio una ruota
Incontro con Antonella Bianco, regista, e Roberta Amadeo, campionessa di handbike

Talk

Il primo documentario dedicato alla bici come strumento di emancipazione femminile è quasi pronto! La regista Antonella Bianco racconterà la nascita e lo sviluppo del progetto, che ha raccontato le esperienze di atlete emergenti ed affermate, ma anche le storie delle donne a cui ancora oggi, in alcuni Paesi, è impedito pedalare. Con lei Roberta Amadeo, co-protagonista del film, ex presidentessa AISM e campionessa nazionale di handbike. “Voglio una Ruota” è una produzione alimentata da una partecipata campagna di crowdfunding che ha coinvolto numerosissime realtà italiane, già presentata a Dynamo in occasione del suo lancio.

Ore 21.30

AFGHAN CYCLES
Anteprima nazionale

Film

Un film di Sarah Menzies
2018, 90 min / documentario

Una nuova generazione di giovani donne afghane ha scelto la bicicletta per rivendicare i propri diritti. Afghan Cycles racconta le loro lotte quotidiane contro discriminazioni, minacce e abusi. Dall’orgoglioso empowerment delle ragazze della Nazionale di Ciclismo a Kabul fino alle studentesse della regione del Bamiyan che usano la mountain bike per andare a scuola e garantirsi un’istruzione che rende libere, quanti pericoli può affrontare una giovane donna per difendere il suo amore per la bicicletta?

Venerdì 19 Luglio

Ore 19

Io viaggio da sola
Incontro con Darinka Montico

Talk

Come fa una donna a viaggiare da sola in tutto il mondo? Darinka Montico è la viaggiatrice per eccellenza. Partita per la prima volta per un viaggio a piedi Da Palermo al Piemonte, impara a viaggiare senza soldi, senza mezzi, raccogliendo fondi, storie ed energie: è autrice di due best-seller di viaggio: “Mondonauta” e “Walkaboutitalia”. Appena tornata dal suo giro del mondo in bici e in barca a vela, racconta “Il viaggio è il maestro di vita che ogni giorno m’insegna ad ascoltare, sorridere e a spogliarmi dei miei pregiudizi. È stato la mia redenzione e la mia terapia per tornare a galla. La mia missione è divulgare quest’innocuo e allo stesso tempo potentissimo mezzo per riappropriarsi del proprio presente e non lasciarsi sfuggire la vita dalle mani”.

Ore 21.30

Ovarian Psycos

Film

Un film di Joanna Sokolowski e Kate Trumbull-LaValle
2016, min 72 / documentario

Le Ovarian Psycos sono una “bicycle brigade” composta da sole donne che a Los Angeles lotta per costruire spazi di autonomia e self-empowerment per le ragazze di colore e ispano americane, organizzando tra l’altro un’orgogliosa ride che attraversa la città al chiaro di luna una volta al mese. Nato intorno ad un’idea di “sorellanza” femminista e auto aiuto, questo gruppo di cicliste si scontra con la dura realtà dell’Eastside in cui è calata, fronteggiando violenza, razzismo, sessismo e disparità di genere dalla sella delle loro biciclette.

Sabato 20 Luglio

Ore 18

Clito Ride
Pedalata femminista

Evento

Per chiudere il festival, una grande festa a pedali, a cui sono invitate le donne e soggettività LGBT*QI+ di tutte le culture e comunità, e tutt* coloro che le sostengono.


Una pedalata femminista, colorata ed inclusiva, per riaffermare la perfetta coerenza tra tutela dei diritti delle donne e soggettività LGBT*QI+ e il diritto di muoversi in strada in modo sicuro, sostenibile, accessibile ed ecologico. In un clima che sempre più ostacola la libera e sicura possibilità di movimento nelle città, tentando di confinare le categorie “più scomode” e più vulnerabili ai margini dello spazio urbano, non ci resta che salire in sella e riprenderci lo spazio che ci spetta

***********
Visioni a Catena è un progetto a cura di Simona Larghetti, Silva Fedrigo e Jonathan Ferramola per #salvaiciclisti Bologna, patrocinato dal Comune di Bologna, con il contributo di Fondazione del Monte e Dynamo Velostazione e la collaborazione di Rodaggio Film.

Altri articoli

Iscriviti alla nostra newsletter!